Catania, frode milionaria sui soldi a un istituto per disabili: nomi e foto degli arrestati

Sono cinque le persone coinvolte nell'operazione della Dia sul "buco" da 10 milioni di euro nella gestione dell'istituto medico psico-pedagogico Lucia Mangano di Catania.

Arrestato l'ex presidente del Consiglio di amministrazione dell'istituto, Corrado Labisi, 65 anni. Nei suoi confronti il Gip ha emesso un'ordinanza in carcere per associazione per delinquere e appropriazione indebita, in qualità di "capo, organizzatore e promotore" della presunta frode.

Disposti gli arresti domiciliari per sua moglie, Maria Gallo, di 60 anni, per la loro figlia, Francesca Labisi, di 33, e per due collaboratori: Gaetano Consiglio, di 39, e Giuseppe Cardì, di 57.

Secondo l'accusa, Labisi avrebbe gestito i fondi erogati dalla Regione Siciliana e da altri Enti per fini diversi dalle cure ai malati ospiti della struttura, distraendo somme in cassa e facendo lievitare le cifre riportate sugli estratti conti accesi per la gestione della clinica, tanto da raggiungere un debito di oltre 10 milioni di euro.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X