IL CASO

Tagli e trasferimenti, ospedale di Giarre semiabbandonato: protestano i cittadini

di

A Giarre, molte vetrine e finestre esibiscono ancora il cartello di protesta “Rivogliamo l’ospedale”. Attualmente una struttura-fantasma o poco più, a causa di tagli e trasferimenti di reparti. Ieri, il sindaco Angelo D’Anna ha rilanciato una battaglia in corso ormai da anni diffondendo il testo di una sua lettera inviata al presidente della Regione, Nello Musumeci, e all’assessore alla Salute, Ruggero Razza. Il primo cittadino giarrese, anche a nome dei colleghi del Distretto Socio Sanitario 17, denuncia come lunedì 23 sia stato impossibile raggiungere in tempi brevi l’ospedale di Acireale “allorquando il forte vento ha provocato la chiusura degli accessi autostradali di Fiumefreddo di Sicilia e Giarre per la caduta di alberi di alto fusto sulla carreggiata dell’autostrada A18 con impossibilità di percorrenza nella direzione Messina e il conseguente rallentamento della circolazione sulla Statale 114”.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X