ANIMALI

San Gregorio di Catania, due esemplari di gruccione nella riserva naturale

di

La riserva naturale integrale “Complesso Immacolatelle e Micio Conti” di San Gregorio ospita due esemplari di gruccione, specie poco comune in Sicilia. I due volatili sono stati inanellati nell'area protetta gestita dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania.

“Sono solo di passaggio nella riserva naturale di San Gregorio – spiega l’ornitologo Renzo Ientile del Cutgana -, mentre si riproduce in altri siti come la Riserva naturale orientata Vallone di Piano della Corte ad Agira, gestita sempre dal centro universitario etneo”.

Proprio l’ornitologo Ientile, direttore della riserva agirina, aggiunge che “il gruccione, una tra le specie di uccelli più colorate presenti in Europa, è un uccello migratorio che, finita la stagione riproduttiva, come tanti altri, in piena estate intraprende il viaggio migratorio verso quartieri invernali”.

“Non a caso molti uccelli inanellati a partire da luglio nella stazione ornitologica di monitoraggio nella riserva Complesso Immacolatelle e Micio Conti di San Gregorio sono migratori – aggiunge Ientile, che ha effettuato l’inanellamento insieme con l’ornitologo Alessandro Marletta e l’esperto del Cutgana Carlo Prato -. Ad oggi nella stazione etnea sono stati inanellati circa un migliaio di uccelli di 40 specie diverse in tre anni”.

Proprio la riserva naturale di San Gregorio, è l’unica in Sicilia tra le 70 stazioni in tutta Italia che hanno aderito al progetto di ricerca dell’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) denominato “MonITRing” (Monitoraggio italiano tramite inanellamento) promosso dal Centro nazionale inanellamento per il monitoraggio degli uccelli.

“Un progetto avviato tre anni fa – spiega Renzo Ientile -, che prevede un monitoraggio, attraverso l'inanellamento, continuo con un valore a livello nazionale in quanto è inserito nel protocollo di ricerca nazionale promosso dall'Ispra. Il monitoraggio consentirà di confrontare i dati di questa stazione siciliana con quelli delle altre stazioni italiane e contribuirà a caratterizzare lo status dell'avifauna italiana”.

E sul gruccione, l’ornitologo spiega che “si tratta di una specie caratteristica per il piumaggio multicolore, per il becco lungo e leggermente ricurvo oltre ad essere un abilissimo volatore. Si alimenta di insetti, cattura in volo principalmente api, vespe e calabroni. Purtroppo, le varie forme di inquinamento che minacciano oggi la sopravvivenza di api e specie simili minacciano indirettamente anche l'esistenza del gruccione”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X