ESUBERI

Il Cara di Mineo cambia gestione: previsti cento licenziamenti

di

Uno spiraglio, ma ancora troppo poco per restituire una speranza ai circa 100 dipendenti dichiarati in esubero sui 300 che in questi anni hanno lavorato per le cooperative che forniscono i servizi al Cara di Mineo. Una possibilità che sarà rivalutata domani mattina, nella sede della Regione, ex Palazzo Esa, con i vertici dell’Ufficio del lavoro, della Prefettura e sindacati.

Ormai è una corsa contro il tempo, dopo il confronto serrato di ieri mattina in Prefettura, perché dal primo ottobre nella gestione dei servizi al centro accoglienza richiedenti asilo di Mineo subentreranno le nuove imprese che si sono aggiudicate i quattro diversi lotti con i quali la Prefettura di Catania, ente gestore, ha suddiviso il mega appalto predisposto nel 2011 e valido fino al 2014 e poi, di fatto, prorogato.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X