UN ARRESTO

Riposto, una casalinga ostaggio per rapinare le Poste

di

Sarebbero stati ancora motivo di vanto, se solo non l'avessero tradito e condotto in carcere, quei tatuaggi posti in bella evidenza sul braccio del quarantenne ripostese, Giuseppe Varoncelli, arrestato ieri, a Riposto, dai carabinieri della locale stazione, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale etneo su richiesta della Procura della Repubblica con l'accusa di rapina aggravata e ricettazione in concorso. Intanto è caccia al complice.

L’uomo, il 3 settembre scorso, aiutato da un complice, con il volto travisato da un casco integrale, ha prima costretto una donna, intenta a prelevare del denaro dallo sportello automatico, a seguirlo all’interno dell’ufficio postale di via Marconi, poi, simulando di essere armato, minacciava il direttore facendosi consegnare il denaro contenuto nelle casse per poi fuggire via a bordo di uno scooter (rubato a Giardini Naxos, in provincia di Messina, il 9 agosto u.s.).

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X