POLIZIA

Catania, trovato un arsenale di armi storiche a Borgo Ognina: tre indagati

di

Scoperto un arsenale di armi storiche a Borgo Ognina a Catania. Le armi facevano parte dell'eredità di alcune persone che dopo la morte della zia le hanno denunciate alla polizia. L'arsenale, potenzialmente molto pericoloso, è stato conservato all’interno di un’abitazione disabitata in un quartiere ad alta densità di furti in appartamento.

I poliziotti si sono recati nell'appartamento in questione dove hanno rinvenuto l'arsenale, con armi rare di ingente valore storico e artistico. In totale sono state sequestrate penalmente 38 pistole, 20 fucili, 38 armi da punta e taglio e 1456 cartucce. I tre eredi sono stati indagati in stato di libertà per i reati di omessa denuncia.

I tre hanno esibito alcune perizie delle armi. Una delle pistole fu utilizzata in un duello dove venne ferito Matteo Renato Imbriani, figlio del letterato Paolo Emilio che seguì il padre in esilio. Mentre uno dei fucili è il secondo esemplare esistente a livello mondiale, l’altro è custodito presso un museo americano.

L'arsenale contiene veri e propri pezzi da museo e su autorizzazione dell'autorità giudiziaria verrà determinato il valore storico artistico e l’interesse dello stato di queste armi. Verranno informati gli organi competenti per stabilire se custodirli e collocarli nei musei nazionali.

Gli agenti del commissariato di polizia catanese hanno denunciato il legittimo detentore di tre fucili e una pistola per omessa custodia, perché al momento del controllo ha dichiarato che le armi gli erano state rubate, senza mai aver sporto denuncia. Una terza persone è stata indagata per aver omesso di dichiarare il nuovo luogo di residenza dove è stata trasferita l’arma.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X