CARABINIERI

Mafia, picchiano un imprenditore per riscuotere il pizzo: tre arresti a Giarre

estorsione giarre, imprenditore picchiato, Catania, Cronaca
Tiziano Russo, Francesco Messina, Roberto Bonaccorsi

Tre persone - una indicata come vicina ad esponenti del clan Sanpapaola e due ritenute vicine ad esponenti della cosa Laudani - sono state arrestate dai carabinieri a Giarre perché avrebbero costretto un imprenditore con violenza e minacce attuate con modalità mafiosa a consegnare una rilevante somma di denaro come primo acconto di un’estorsione da mantenere nel tempo.

La somma doveva essere divisa tra i due gruppi: sono Roberto Bonaccorsi, 53 anni, ritenuto gravitante attorno ad affiliati al clan mafioso della zona jonico-etnea collegato al clan Santapaola-Ercolano, e Tiziano Russo, di 24, e Francesco Messina, di 51, ritenuti vicini a affiliati alla cosca Laudani. Bonaccorsi è stato bloccato dopo aver intascato 2.000 euro dalla vittima.

Russo e Messina sono stati fermati per estorsione pluriaggravata in concorso e lesioni aggravate emesso in via d’urgenza in seguito all’arresto di Bonaccorsi. I fermi sono stati poi convalidati dal gip. Secondo quanto accertato a chiedere denaro alla vittima sarebbero stati dapprima Russo e Messina - il primo agli arresti domiciliari, il secondo affidato in prova ai servizi sociali - e successivamente Bonaccorsi avrebbe ripetuto la richiesta estorsiva adoperandosi per dividere la somma tra le famiglie mafiose.

L’imprenditore sarebbe stato attirato in un complesso di case popolari, aggredito da Russo e Messina, che gli avrebbero chiesto una consistente somma di denaro in contanti e una considerevole percentuale dei suoi futuri guadagni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X