CORTE D'APPELLO CATANIA

Borsellino, "Tomaselli non era custode dell'autobomba": 777 mila euro agli eredi

La Corte d'appello di Catania ha condannato lo Stato a pagare circa 777 mila euro agli undici fratelli eredi di Salvatore Tomaselli per "riparare l'errore giudiziario" consistito nella sua condanna a 8 anni e mesi nel processo per la strage di via D'Amelio.

All'attentato che costò la vita al giudice Paolo Borsellino e alla sua scorta lui era completamente estraneo, e morì tre anni dopo avere scontato la sentenza.

Secondo l'accusa, rivelatasi infondata, l' uomo che avrebbe custodito in un proprio magazzino della Guadagna la 126 usata, secondo i falsi pentiti, come auto bomba contro il giudice Paolo Borsellino e i cinque agenti della scorta, uccisi 26 anni fa. Invece Tomaselli non aveva fatto niente e Salvatore Candura, che lo aveva accusato, aveva mentito.

A Caltanissetta, dopo il suo decesso, nell'agosto 2011, è arrivata la sentenza Borsellino quater, che ha consacrato l' estraneità degli ex imputati - sette avevano avuto l' ergastolo - alle contestazioni e successivamente la Corte d' appello di Catania aveva disposto la revisione del processo, cancellando le condanne. Ultimo atto, l' ordinanza su quella che tecnicamente si chiama proprio "riparazione", ricostruiscono i quotidiani, è stata emessa dalla terza sezione della Corte d'appello di Catania, presieduta da Carmela La Rosa.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X