stampa
Dimensione testo

Paternò, scontro sulle strisce blu

Gli «stalli» sono stati ridotti da 700 a 376. A gestirli saranno cinque ausiliario del traffico in servizio al Comune. Confcommercio favorevole

PATERNÒ. In una settimana sono state circa 130 le multe elevate dai vigili urbani di Paternò; un servizio specifico e articolato partito da lunedì scorso, da quanto è “operativa” l’ordinanza, preparata dagli uffici comunali alla viabilità, attraverso la quale è stato imposto ai mezzi il divieto di parcheggiare in via Vittorio Emanuele, Via Emanuele Belli, Piazza Indipendenza e parte di via Nicolosi, ossia le arterie viarie interessate al servizio degli stalli a pagamento. La multa si aggira sui 39 euro cadauna. Da lunedì in pratica sono in corso lavori di tinteggiatura delle strisce blu, da parte della ditta che sta eseguendo i lavori. Le multe sono state contestate agli automobilisti, che in barba alla ordinanza, hanno parcheggiato le auto o mezzi a due ruote in quella parte delle strade, dove si deve effettuare il lavoro di ripristino delle «strisce blu». Decine inoltre le auto portate via dai carro attrezzi. L’ordinanza rimarrà attiva per tutta la durata dei lavori di tinteggiatura; stalli a pagamento quindi che dovrebbero essere funzionanti verso la fine di settembre. Stavolta, rispetto allo scorso anno, a gestire gli stalli a pagamento, saranno i cinque ausiliari del traffico inquadrati, con tale qualifica nella pianta organica del comune. Lo scorso anno la gestione degli stalli era in mano ad una ditta di Milano, l’Aipa, che aveva vinto l’appalto controllandoli dapprima con 10 dipendenti e successivamente soltanto con quattro unità. Rispetto ai precedenti 700 stalli, le strisce blu che saranno operative, saranno 376. Sulla gestione degli stalli sono intervenuti i consiglieri Francesco Rinina, insieme a Marco Tripoli e Pietro Cirino, componenti della commissione consiliare alla viabilità: «Come commissione consiliare abbiamo avanzato alla giunta Mangano una nuova proposta relativa alla gestione delle strisce blu - afferma Francesco Rinina -. Abbiamo proposto di esternalizzare il servizio a ditte private o a cooperative sociali. Personalmente ritengo che i 5 ausiliari del traffico siano pochi per gestire 376 stalli; ritengo che sarebbe stato opportuno portare a 500 gli stalli, piazzandoli anche in via Garibaldi e in via Circumvallazione». Favorevole, al ritorno del servizio degli stalli a pagamento, soprattutto nel centro storico cittadino, la Confcommercio di Paternò: «Le strisce blu ci consentiranno di regolare il traffico - afferma Stefano Bella presidente Confcommercio- Stalli a pagamento attivi fino alle 18 e non alle 20. Per di più - conclude Bella - la gestione delle strisce non dovrebbe essere affidata agli ausiliari del traffico, i quali francamente li lascerei svolgere altre mansioni. Ritengo invece che sarebbe opportuno affidare il tutto ad una cooperativa sociale». Utilizzare invece le macchinette per l’emissione dei ticket è la proposta avanzata da Francesco Pappalardo, presidente dell’associazione «Noi Commercianti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X