stampa
Dimensione testo

Raciti, rideterminata la pena per Speziale

Il giovane, condannato definitivamente a 8 anni di reclusione per omicidio preterintenzionale dell'ispettore capo di polizia, dovrà scontare sei anni: è già stato due volte detenuto per 24 mesi

CATANIA. Antonino Speziale, condannato definitivamente a 8 anni di reclusione per omicidio preterintenzionale dell'ispettore capo di polizia Filippo Raciti, ferito mortalmente durante gli scontri tra ultras del Catania e forze dell'ordine del 2 febbraio 2007, dovrà scontare sei anni della pena comminata. Lo ha stabilito l'ufficio Esecuzioni penali della Procura generale etnea accertando che il giovane, prima della sentenza confermata dalla Cassazione, è già stato due volte detenuto, in applicazione di provvedimenti di custodia preventiva, per complessivi 24 mesi.   
Il decreto, che accoglie la richiesta degli avvocati Giuseppe Lipera e Grazia Coco, è stato firmato dal Pg Elvira Tafuri. Nel provvedimento il magistrato rileva che "ricorrono i presupposti" per uno scomputo di "due anni in relazione" alla condanna. E per questo "ridetermina la pena residua a suo carico in sei anni di reclusione".  Antonino Speziale, detenuto dal 14 novembre scorso nel carcere di Brucoli, nel Siracusano, è previsto così che sconti la pena il 14 novembre del 2018. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X