stampa
Dimensione testo

Zona franca urbana ad Acireale, ecco cosa comprende

Fanno parte dell’area il centro storico e le frazioni di Aciplatani, Santa Maria delle Grazie e Santa Caterina e Maria la Scala. Il via libera di Crocetta
Catania, Archivio

ACIREALE. Il centro storico, tutto; poi le frazioni di Aciplatani, Santa Maria delle Grazie e Santa Caterina e Maria la Scala. E' questa l'area della Zfu, la Zona Franca Urbana, della città di Acireale, a cui ha dato il via libera il presidente della Regione Crocetta a ridosso della fine dell'anno. Nel corso della conferenza di chiusura dell'anno il sindaco Nino Garozzo e l'amministrazione comunale hanno anche reso nota, nel dettaglio, le via e le piazze che usufruiranno degli sgravi fiscali previsti: detrazioni sulle tasse, agevolazioni nelle assunzioni. Nell'area ricadono anche la villa Belvedere, le costruende aree artigianali e la Stazione ferroviaria.Farà invece discutere la scelta di escludere dalla Zfu l'area di piazza Dante, il quartiere che gravita intorno alla via Salvatore Vigo e Capomulini. Fuori dalla zona franca urbana anche il centro commerciale "Ciclope" nella frazione di Santa Maria delle Grazie, e tutta l'area del centro urbano a Nord del corso Italia e a ovest di via Marchese di Sangiuliano, così come le frazioni marinare di Stazzo e Pozzillo, e tutte quelle a monte della città.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X