Catania, stop in strada ai cartelloni ritenuti osè

Ordinanza del commissario della Provincia: vietata la pubblicità lesiva della dignità di donne, uomini e bimbi. Creata una task force per controllare
Catania, Archivio

CATANIA. La Provincia regionale di Catania dichiara guerra alla cartellonistica raffigurante immagini lesive per la dignità di genere, sia maschile, che femminile e quella che riguarda i bambini, installata lungo le arterie di propria competenza. A disporre l'annullamento dell'autorizzazione di affissione e di rimozione dei cartelloni pubblicitari è stato il commissario straordinario Antonella Liotta, attraverso l'adozione di una delibera che fa riferimento a quanto disposto dalla conferenza mondiale sulle donne, svoltasi a Pechino nel 1995, e dalla Commissione Europea per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere.
Per tale scopo è stata allestita una task force con interassessoriale. Si chiama Cug e sta per Comitato unico di garanzia, composto da tre componenti «laici» e da tre agenti della Polizia provinciale segnalati dal dirigente di tale Servizio.

UN SERVIZIO SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X