stampa
Dimensione testo

Paternò, usano gruppo elettrogeno in casa Lui muore per intossicazione, grave la moglie

CATANIA. Un venditore ambulante di 60 anni, Vincenzo Bumbica, è morto e la moglie di 55 anni, Anna Maria Boccadella, è rimasta gravemente intossicata per avere respirato monossido di carbonio prodotto da un gruppo elettrogeno alimentato da carburante che avevano in casa. L'incidente è avvenuto ieri sera in contrada Pracchio di Belpasso, nel Catanese, ma la notizia si è appresa soltanto oggi.
A trovare i corpi della coppia sono stati i figli che si sono insospettiti perchè i genitori non rispondevano alle loro chiamate al cellulare. Sul posto, dopo una segnalazione al 112, sono intervenuti militari dell'Arma che hanno avviato le indagini. Secondo una prima ricostruzione a provocare la tragedia sarebbe stata l'accensione del gruppo elettrogeno e la mancata apertura di una porta o di una finestra, dopo l'utilizzo, per fare uscire il monossido di carbonio che è rimasto in casa.
L'uomo, che era su un divano vicino alla stanza dove si trovata il gruppo elettrogeno, è morto. Sua moglie, che era nella stanza da letto è rimasta gravemente intossicata, ma non è
in pericolo di vita. È ricoverata nell'ospedale di Paternò. La salma della vittima è stata trasferita nell'obitorio dell'ospedale Garibaldi di Catania per l'esame autoptico. Le indagini dei carabinieri della compagnia di Paternò sono coordinate dalla Procura di Catania.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X