stampa
Dimensione testo

Catania, arte contro il disagio a Librino: «Ma la povertà cresce»

A San Giorgio in via Manna oggi spettacolo di presentazione del progetto «Movie» che coinvolge novanta minori tra i 6 e i 17 anni, di cui venti affetti da autismo
Catania, Archivio

CATANIA. Tra i minori di Librino e San Cristoforo, il Comune «usa» l’arte — musica, danza, teatro, cortometraggio — per combattere l’emarginazione: novanta giovanissimi, venti affetti da autismo, sono impegnati nel progetto «Movie» che sarà presentato oggi al «Cirino La Rosa» di via Manna a San Giorgio. L’assessore al Welfare, Fiorentino Trojano, ammette però che non ha età, nè tantomeno confini circoscrizionali, il disagio sociale: «In tutti i quartieri, cresce la povertà. Non solo a Librino e San Cristoforo. Ce lo dicono anche le associazioni di volontariato, che vedono aumentare quanti giornalmente si recano nelle loro mense. Il fenomeno s’è aggravato e investe anche persone della medio-bassa borghesia che fino a un anno fa, o poco più, non erano certo in condizioni così gravi». Librino, terra di frontiera.
UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI CATANIA DEL GIORNALE DI SICILIA.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X