Catania, truffa sui fondi europei per la pesca: 36 indagati

Catania, Archivio

CATANIA.  Di nove progetti finanziati dall'Unione europea per 2,8 milioni di euro avrebbero beneficiato imprenditori, manager, funzionari, professionisti, rappresentanti di enti pubblici, ma non i destinatari per i quali Bruxelles aveva destinato i soldi: i pescatori della zona. E' quanto emerge da un'inchiesta della Procura di Catania che ha indagato 36 persone, sei di loro sono stati già rinviati a giudizio e la prima udienza si terrà il 7 aprile prossimo.
Sono Antonino Felice Catara (ex presidente del Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia), Laura Gulizia (dipendente del Comune di Aci Castello), Salvatore Li Calzi (imprenditore e consulente d'impresa), Pasquale Maggiore (titolare dell' azienda Mcq di Palermo e ritenuto "mente" di tutto il sistema), Orazio Gaetano Puglisi (ex presidente del Consorzio Catania Ricerche) e Francesco Giovanni Riccioli (titolare di un' azienda e consulente dei progetti).
Le indagini sono state eseguite dalla guardia costiera     
"Le posizioni degli indagati sono differenziate - afferma  il procuratore Giovanni Salvi - in base alla scelta del rito abbreviato. Ci riserviamo di dare comunicazione successivamente per chiarire i singoli profili".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X