Futuro delle partecipate, al Comune di Catania è giunta l’ora delle risposte

CATANIA. «Prima delle ferie, sulle aziende partecipate prenderemo una decisione. Se tenerle, come credo sia più opportuno, o venderne alcune». Giuseppe Girlando, assessore comunale al Bilancio, fuga i timori di ulteriori rinvii nella definizione di una questione che interessa oltre mille lavoratori catanesi: «Dopo il Comune, quelle aziende rappresentano il più grande contenitore cittadino di impiego pubblico», sottolinea il presidente della commissione «Municipalizzate», Michele Failla.
Ancora ieri, proprio Failla aveva ricordato come fosse scaduta al 30 giugno la proroga di sei mesi che era stata chiesta e ottenuta dall'amministrazione Bianco, per scegliere il futuro di Multiservizi, Asec, Asec Trade, Amt, Sidra, Sostare. Cioè, metterle sul mercato o tenerle.


ALTRE NOTIZIE NELL'EDIZIONE DI CATANIA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X