stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Paternò, un referendum su Mangano

Paternò, un referendum su Mangano

Catania, Archivio

PATERNO'. Annunciato l'avvio di un referendum sull'operato del primo cittadino Mauro Mangano, consultazione che dovrebbe tenersi a settembre. I sei consiglieri di opposizione che hanno dato l'ok all’iniziativa sono: Ezio Mannino, Pietro Cirino, Guerrina Buttò, Vito Rau, Marco Tripoli e Roberto Faranda. E spiegano il perché di una azione che mira a dare voce ai cittadini proprio per portare a conoscenza dell'amministrazione il pensiero della città: «Noi rappresentiamo l'opposizione e non cerchiamo poltrone, né vogliamo fare parte di un inciucio o esser stampella del sindaco — ha affermato Vito Rau — D co questo perchè smentisco categoricamente le voci diffuse in città che ci vorrebbero parte integrante di una maggioranza trasversale. Per noi l'esperienza Mangano si chiama passato. Il sindaco e la sua giunta hanno fallito, non hanno portato avanti le promesse fatte in campagna elettorale. Vogliamo liberare la città ridandole dignità». E aggiunge: «Mangano in soli due anni di amministrazione ha ridotto il paese in ginocchio. Non ha più l'appoggio della sua maggioranza. I 18 componenti del centro sinistra non sono altro che 18 Repubbliche di San Marino, autonomi ed indipendenti». «Per questo - conclude Rau - ci sembra opportuno dare voce ai cittadini per esprimere il proprio dissenso verso questa amministrazione che è fallimentare» Sulla stessa lunghezza d'onda il collega Roberto Faranda, il quale si augura che i consiglieri di maggioranza delusi dall'esperienza possano «accodarsi all'iniziativa della minoranza col chiaro obiettivo di scuotere la città». Il consigliere Lucio Cunsolo, dichiaratosi indipendente dal PD, "difende" l'operato della maggioranza e del sindaco: «Penso che con il dialogo si possa arrivare a delle proposte concrete per la città: capisco le posizioni dell'opposizione ma ritengo che il primo cittadino abbia ancora il tempo, rimangono altri tre anni per recuperare e cambiare la città. Ma adesso ci vogliono i fatti che i cittadini si aspettano» Il regolamento sulla indizione del referendum consultivo stabilisce che deve essere proposto da almeno 3.000 persone aventi diritto al voto, con sottoscrizione nell'arco di tre mesi. O.C.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X