LOCALE SEQUESTRATO

"Senza licenza", tatuatore abusivo denunciato a Catania

CATANIA. Esercizio abusivo della professione. Con questa accusa un finto tatuatore è stato denunciato a Catania dai carabinieri. Sequestrato il suo laboratorio, nel quartiere di Picanello, molto frequentato soprattutto da ragazzi e da giovani donne. L’artista del tattoo, un giovane di 23 anni, avrebbe reclutato i clienti con annunci su internet, prezzi convenienti e disegni all’ultima moda da tatuare sul corpo.

Nel piccolo studio, ben attrezzato, con tanto di arnesi (in pessime condizioni igienico-sanitarie), aghi, colori e cataloghi per tatuaggi e piercing il ragazzo avrebbe incontrato i clienti, concordando il tatuaggio da fare e poi si sarebbe messo all’opera senza avere alcuna licenza o autorizzazione. I carabinieri delle Stazioni di Nesima e Picanello, con la collaborazione del Nas di Catania, sono intervenuti dopo la denuncia di una cliente di 18 anni che, dopo essersi fatta applicare un piercing alla lingua, ha contratto una brutta infezione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X