stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Omicidio di Biancavilla, il legale della donna: "Il Gip la affidi a comunità"
CATANIA

Omicidio di Biancavilla, il legale della donna: "Il Gip la affidi a comunità"

«La signora - spiega il legale - ha confessato, e quindi non può inquinare le prove, non c'è neppure pericolo di fuga o la possibilità che possa reiterare il reato. La detenzione in carcere per noi è afflittiva e non giustificata»

CATANIA. La detenzione cautelare in una comunità protetta o agli arresti domiciliari. È la richiesta «meno afflittiva e corrispondente alle esigenze giudiziarie» che l'avvocato Luigi Cuscunà chiederà al Gip Loredana Pezzino per la sua assistita, Vincenzina Ingrassia, durante l'udienza di convalida del fermo della donna accusata di avere ucciso il marito, Alfio Longo, e di avere simulato una rapina nella loro villa di Biancavilla. Per la Procura sarà presente il sostituto Raffaella Vinciguerra.

«La signora - spiega il legale - ha confessato, e quindi non può inquinare le prove, non c'è neppure pericolo di fuga o la possibilità che possa reiterare il reato. La detenzione in carcere per noi è afflittiva e non giustificata». L'avvocato conferma che la donna le aveva rivelato che «quando erano in Germania, negli anni Settanta, il marito l'avrebbe costretta ad abortire due volte perchè non era il momento di avere figli, ma di lavorare». Inoltre Vincenzina Ingrassia «aveva l'intenzione di divorziare dal marito, ma lui la bloccava sempre dicendole: 'Tu di qui non ti muovì». «È una casalinga - conclude l'avvocato Cuscunà - che ha sopportato violenze e vessazioni e che è esplosa in quel gesto estremo».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X