stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Truffe con falsi incidenti stradali, 3 arresti a Misterbianco
CARABINIERI

Truffe con falsi incidenti stradali, 3 arresti a Misterbianco

di

CATANIA. A Misterbianco i carabinieri hanno scoperto tre persone che avrebbero inscenato 60 incidenti stradali per frodare le compagnie assicurative con richieste di risarcimento danni circa 500 mila euro.

Sono così accusati d’associazione per delinquere finalizzata alle truffe in danno di compagnie assicurative, falsa testimonianza e falso in scrittura privata. I carabinieri di Misterbianco, su richiesta della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, hanno arrestato tre persone e sottoposto una quarta all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

Si tratta di tre catanesi, un ragioniere di 49 anni, titolare di un Caf di 37 anni, ed un disoccupato di 46 anni di Gravina di Catania. I primi due sono agli arresti domiciliari e il terzo è stato sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

L’attività di indagine, avviata nel 2012 e protratta per circa 2 anni, ha consentito di accertare l’esistenza di una ramificata organizzazione delinquenziale. I due catanesi si sarebbero occupati di provvedere  alla meticolosa messinscena del falso incidente con feriti, il tutto con la compiacenza di persone che avevano certificati medici pregressi, compatibili con lesioni da incidente stradale ma attestanti infortuni domestici o sportivi ed una controparte connivente disposta ad assumersi la responsabilità del falso sinistro stradale proprietaria di veicolo con copertura assicurativa in corso di validità.

Dopo aver messo in scena l’incidente stradale  sarebbero entrate in gioco altre due persone, un ragioniere catanese di 37 anni anch’egli gestore di Caf ed un altro disoccupato di 46 anni di Gravina di Catania. I due si sarebbero occupati di  reclutare i testimoni, istruire la pratica e seguire l’iter burocratico sino alla liquidazione del risarcimento, suddiviso tra i vertici dell’associazione  ed altre persone segnalate alla Procura della Repubblica di volta in volta coinvolti nella “sceneggiata” che avevano i ruoli di parte lesa, testimoni, patrocinatori legali, medici legali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X