stampa
Dimensione testo
GUARDIA DI FINANZA

Raggirano anziana per impossessarsi dei suoi beni, scoperta truffa da mezzo milione a Catania

di

CATANIA. Una professoressa di latino di 91 anni è stata raggirata da tre persone che hanno cercato d’impossessarsi del suo patrimonio da tre milioni di euro.
Le indagini della guardia di finanza di Catania hanno preso spunto ingenti  prelievi di denaro contante effettuati dalla signora e dall’emissione di diversi assegni a favore di A.R., catanese di 46 anni,  e di altri due indagati, M.S.S., di 61 anni e S.M. di 67 anni, genitori della sua convivente. I tre sono stati denunciati per circonvenzione d’incapace.

L’uomo, inquilino di una casa di proprietà della professoressa, avrebbe utilizzato vari escamotage per acquisire la fiducia della sua padrona di casa, per ricevere denaro e appropriarsi del suo consistente patrimonio. In alcune occasioni l’inquilino per dimostrare la propria serietà, avrebbe affermato di lavorare per una “polizia segreta speciale con sede a Roma”.

In altre occasioni i soldi sono stati richiesti per assolvere a pseudo spese giudiziarie e per il ripristino per danni ad una villa di proprietà dell’anziana professoressa.

Nel corso delle indagini sono stati eseguiti anche accertamenti bancari sui conti correnti della signora e dei tre indagati, che hanno ricevuto nel secondo  semestre 2016 assegni per quasi 71 mila euro e somme in contanti per circa 61 mila, oltre a mobili antichi per un valore complessivo pari a 400 mila euro.

Inoltre, i finanzieri hanno contrassegnato le banconote in contanti prelevate dall’anziana, pari a 3000 euro,  destinate al 46enne catanese. L’uomo è stato pedinato,  controllato. I finanzieri hanno gli hanno trovato addosso le banconote precedentemente contrassegnate.

I militari hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo sul patrimonio mobiliare ed immobiliare dell’anziana professoressa, per la cui gestione è stato nominato un curatore speciale.

Sono stati disposti ed eseguiti anche i sequestri sui conti correnti degli indagati per gli importi percepiti dall’anziana circuita.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X