stampa
Dimensione testo
IL SISMA

Scossa di 4.8 sull'Etna: crolli e danni, chiuso e poi riaperto tratto della Catania-Messina

eruzione etna, scossa zafferana etnea, terremoto catania, Catania, Cronaca
L'asfalto allo svincolo di Acireale

Notte di inferno in provincia di Catania. Dopo il sisma di magnitudo 4.8 che ha seminato terrore in diversi paesi dell'Etna e anche a Catania è stato chiuso precauzionalmente al traffico un pezzo dell'autostrada Catania-Messina.

La A18 presenta 'lesioni' sospette sull'asfalto createsi dopo la scossa. Il blocco ha riguardato il tratto tra i caselli di Acireale e Giarre. In serata dopo le verifiche è stato riaperto al traffico.

A causa del sisma sono crollati calcinacci e una statua della Madonna del campanile della chiesa del Sacro Cuore a Santa Venerina. Non ci sono danni a persone. Lesioni in abitazioni si segnalano nell'Acese nella zona di Lavinaio e a Santa Maria La Stella, frazione marinara nella Timpa di Acireale. Alcune famiglie a scopo precauzionale hanno lasciato le loro case e si preparano a trascorrere il resto della notte in auto.

Altre antiche costruzioni sono crollate a Fleri, sempre a Santa Venerina e Zafferana. In molte case le suppellettili sono 'volate' da mensole e vetrine e sono cadute a terra, aumentando il senso di paura tra gli abitanti dei locali.

Il sisma ha danneggiato anche la chiesa di Maria Santissima del Carmelo di Pennisi, frazione di Acireale. Crollati il campanile e la statua di Sant'Emidio, venerato perché ritenuto il protettore dei terremoti.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X