stampa
Dimensione testo
DIA

Caporalato a Paternò, confisca da 10 milioni a un imprenditore agricolo

Confisca per un imprenditore agricolo di Paternò, in provincia di Catania. Nel mirino della Dia, diretta dal primo dirigente della polizia Renato Panvino beni per 10 milioni.

Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del locale Tribunale su proposta del direttore della Dia nell'ambito di un'inchiesta sul caporalato. Il patrimonio oggetto della confisca comprende un'impresa individuale ed una società del settore agricolo, rapporti bancari, numerosi immobili in provincia di Catania e Messina e una decina di automezzi.

I beni sono stati confiscati a Rosario Di Perna, di 63 anni, di Raccuja (Messina) ma domiciliato a Paternò, già destinatario nel 2015 di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nell'ambito dell'operazione denominata "Slave" perché gravemente indiziato di aver costituito un'associazione che operava a Paternò e in Romania dedita allo sfruttamento di braccianti romeni secondo le forme del caporalato.

Di Perna è stato anche sottoposto alla misura della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza per la 2 anni e 6 mesi. Il provvedimento di confisca segue il sequestro eseguito nei suoi confronti dalla Dia nel 2017. Oggetto della confisca sono stati diversi rapporti bancari, otto automezzi, due aziende (la Difruit di Paternò e la ditta individuale Di Perna Calogero, 20 fabbricati, 48 appezzamenti di terreno per un'estensione totale di oltre 50 ettari a Paternò, Belpasso, Biancavilla, Ramacca, Floresta e Patti.

Secondo quanto accertato, l'uomo non avrebbe avuto risorse lecite idonee a giustificare gli investimenti effettuati e vi è una cospicua e generalizzata sproporzione tra i redditi dichiarati rispetto al patrimonio posseduto. Perna, inoltre, insieme al figlio Calogero e ad altri indagati romeni, avrebbe reclutato manodopera per l'impiego nelle campagne paternesi senza le garanzie minime di tutela spettanti ai lavoratori, costringendo le numerose vittime a subire condizioni lavorative vessatorie con violenze e minacce, implicite ed esplicite, per accrescere i guadagni dell'organizzazione.

L'uomo è stato condannato per truffa all'Inps, furto continuato e usura, reati per i quali fu arrestato in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare emesse dal Tribunale di Catania.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X