stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Allestisce officina abusiva nell'Oasi del Simeto, indagato per reati ambientali
POLIZIA

Allestisce officina abusiva nell'Oasi del Simeto, indagato per reati ambientali

La Polizia di Catania sul territorio anche per contrastare i reati ambientali. Durante uno dei controlli, nella giornata di giovedì, gli agenti hanno scovato un'officina abusiva all'interno del sito protetto della “Riserva Naturale Oasi del Simeto”.

Responsabile un pluripregiudicato che è stato indagato in stato di libertà per gestione illegale e abbandono di rifiuti speciali, reati ambientali previsti dagli articoli 192 e 193 del Decreto Legislativo 152/2006. L'uomo aveva allestito anche, senza le dovute autorizzazioni, un luogo di raccolta di rifiuti.

A generare preoccupazione l'abbandono a ridosso di un ruscello di rifiuti pericolosi come parti di motore e altri scarti provenienti dall'officina e non bonificati. Evidenti il rischio ambientale per la presenza anche di olii esausti minerali e chimici sul terreno. 

Il pluripregiudicato, trattandosi di un'area protetta, è stato indagato anche ai sensi dell’articolo 733 bis del codice penale, che prevede il reato di distruzione e deterioramento di habitat all’interno di un sito protetto. Infine, l'uomo è indagato anche per i reati di incauto acquisto di rame, invasione di terreni pubblici e truffa aggravata per il conseguimento di erogazione pubblica, nello specifico l’indennità di disoccupazione.

Si è quindi proceduto al sequestro di circa 5 tonnellate di rifiuti speciali tra cui, anche se in minor parte, rame di cui  rimane sconosciuta la provenienza.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X