stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catania, urla e lenzuola bruciate al carcere di Piazza Lanza: la protesta dei detenuti
NELLA NOTTE

Catania, urla e lenzuola bruciate al carcere di Piazza Lanza: la protesta dei detenuti

Protesta nella notte al carcere di piazza Lanza a Catania. A fare partire le proteste la decisione del governo di sospendere i colloqui e il primo caso di coronavirus all'interno di un penitenziario a Modena.

I detenuti hanno manifestato la loro rabbia urlando e dando fuoco alle lenzuola. Dalle finestre è partito l'appello di un detenuto: "Non siamo animali! Abbiamo bisogno di cure, stiamo morendo". In pochi minuti polizia e carabinieri hanno circondato la struttura, per evitare tentativi di fuga. La situazione è tornata alla normalità in breve tempo.

Il Comitato Reddito-Casa-Lavoro, che da tempo ormai, segue anche la situazione dei detenuti e del sovraffollamento nelle carceri scrive in una nota: "Siamo subito stati informati della protesta ed abbiamo potuto documentare il grido d'aiuto lanciato dai detenuti. Il rischio di contagio nelle carceri in questo momento è altissimo per via del sovraffollamento e condizioni igienico-sanitarie precarie. Il governo non può continuare a minimizzare, le conseguenze potrebbero essere irreversibili."

 

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X