Scippo a bordo di uno scooter a Catania, video incastra un 23enne: arrestato

È stato arrestato dopo l'ennesimo scippo ad una ragazza in via Santa Chiara a Catania. Si tratta di Gabriele Trovato, di 23 anni. Il giovane nel mese di novembre aveva messo a segno altri scippi nel centro storico sempre nelle ore notturne e serali, a bordo di un ciclomotore.

Dall’attività d’indagine e dall'acquisizione e visione dei filmati registrati dai sistemi di videosorveglianza delle attività commerciali presenti sui luoghi degli scippo, in via Coppola e via Garofalo, e dalle indicazioni fornite direttamente dalle vittime, sono emersi elementi utili alla prosecuzione delle indagini. È stata individuata la marca e il modello del ciclomotore utilizzato, le caratteristiche fisiche dell’autore ed il suo modo di agire.

La sera dello scorso 7 dicembre, alle ore 23, la sala operativa ha diramato una nota radio di scippo ad una giovane donna, in via Santa Chiara, da parte di giovane a bordo di un ciclomotore di colore chiaro.

Gli agenti si sono diretti in via Santa Chiara e hanno preso contatti con la vittima. Altri poliziotti posizionati nel  quartiere Cappuccini, hanno notato un giovane, con abbigliamento e caratteristiche fisiche, corrispondenti a quelle fornite dalla sala operativa che, a piedi, correva e rientrava in fretta a casa.

I poliziotti hanno fermato il giovane che, dopo un tentennamento iniziale, ha ammesso di essere l’autore dello scippo e di aver lasciato il mezzo utilizzato nelle vicinanze della sua abitazione. Gli agenti hanno recuperato anche la borsa che è stata restituita alla vittima, che ha formalizzato la denuncia.

Il ciclomotore usato da Trovato per compiere lo scippo era di provenienza furtiva e pertanto è stato sottoposto a sequestro. Oltre a confessare lo scippo messo a segno in serata, ha ammesso di essere l’autore di altri scippi commessi nei giorni precedenti.

Trovato è stato arrestato e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria, che ad esito dell’udienza di convalida, ha disposto l’applicazione nei suoi confronti della misura cautelare degli arresti domiciliari.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X