La prima notte in carcere di Speziale e Micale

I due ultrà del Catania condannati per omicidio preterintenzionale dell'ispettore capo di polizia Filippo Raciti. Il primo è a Brucoli, l'altro nel penitenziario di piazza Lanza

CATANIA. Hanno trascorso la loro prima notte in carcere da detenuti Antonino Speziale e Daniele Micale, i due ultrà del Catania condannati per omicidio preterintenzionale, con sentenza passato in giudicato, per la morte dell'ispettore capo di polizia Filippo Raciti avvenuta il 2 febbraio 2007 durante gli scontri alla stadio Angelo Massimino scoppiati mentre si giocava il derby col Palermo.   


La quinta sezione penale della Cassazione, infatti, ieri, ha confermato la condanna a 8 anni per Speziale, che all'epoca dei fatti era minorenne, e a 11 anni di reclusione per Daniele Micale, uno dei quali per violenza e resistenza a pubblico ufficiale.    

I due ultrà, dopo la sentenza, sono stati arrestati da agenti della squadra mobile in esecuzione di ordini di carcerazione e condotti in diverse strutture penitenziali: Speziale a Brucoli, frazione di Augusta nel Siracusano, e Micale nella casa circondariale di piazza Lanza a Catania.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X