PROTESTA

Lavoratori del Teatro Bellini occuopno la buca dell'orchestra

CATANIA. Nuova forma di protesta da parte dei lavoratori del teatro Massimo Bellini di Catania che questa mattina hanno deciso di occupare gli spazi in teatro per l'orchestra. Ancora una volta, infatti, lamenta lo Snalv-Confsal, «le promesse fatte sono state disattese e non solo i lavoratori precari da oltre 20 anni non completeranno il mese di marzo come era stato loro assicurato, ma non hanno neanche ricevuto lo stipendio per il mese di febbraio».

«Ieri sera - spiega uno dei lavoratori, Salvo Agosta - abbiamo avuto un incontro con il direttore amministrativo che ci ha detto che dal 19 non dobbiamo venire più perchè la finanziaria regionale non c'è ancora e non ci sono i soldi per pagarci. Insieme a loro protestano anche i lavoratori cosiddetti stabili, perchè non ricevono lo stipendio da circa 3 mesi. »Sono da sempre vicino ai lavoratori che hanno sempre ricevuto il sostegno di tutti, ma in realtà non sono aiutati da nessuno. Tutti parlano, ma nessuno fa niente. Sono mesi che facciamo pressioni e che chiediamo di sbloccare una volta per tutte la posizione lavorativa che questi artigiani, lo ribadiamo, hanno maturato il diritto al contratto a tempo indeterminato già tanti anni fa«, afferma il segretario regionale Snalv-Confsal, Antonio Santonocito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook