IL REPORT

Manifatturiero in difficoltà, a Catania assorbe il 70% dei cassintegrati

di
Occorre sbloccare le «micro» opere pubbliche per dare ossigeno all’edilizia

CATANIA Se la Sicilia si allinea al resto dell’Italia nel conto delle ore di cassa integrazione chieste dalle aziende in difficoltà, stona il dato di Catania che con Caltanissetta e Messina registra invece nel primo trimestre 2015 un aumento di richieste. Lo documenta il report della Uil, divulgato ieri, nel corso di un seminario dedicato agli effetti del Jobs Act su lavoro e occupazione che ha visto la partecipazione di Guglielmo Loy, segretario confederale Uil.

“La provincia di Catania – spiega Loy - è la seconda con la più alta richiesta in termini assoluti (1.028.619 di ore di cui il 70% di straordinaria). La situazione preoccupa se si analizza il dato di marzo in confronto con il mese precedente: +169% (sono state richieste a marzo 592.000 ore di cassa integrazione contro le 220.00 di febbraio). Quindi, la risposta non può essere che quella di costruire vere e durature politiche di crescita, riavviando investimenti pubblici e privati, stimolando il mercato interno con una riduzione di tasse a lavoratori e pensionati”.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X