TRASPORTI

Nuovi orari e fermate soppresse, odissea per i pendolari di Catania

di
Protesta del comitato dei viaggiatori anche contro il «taglio» del treno Catania-Messina delle 20.46

CATANIA. Per i pendolari, i tantissimi che salgono ogni giorno in treno diretti a Catania, oggi non sarà il «solito» lunedì. Da stamattina, infatti, nuovi orari e fermate soppresse. Tra le polemiche: «Ho ricevuto tantissime telefonate in questi giorni - afferma Giosuè Malaponti, presidente del Comitato Pendolari Siciliani - C’è chi piange e chi protesta per i disagi che dovrà affrontare».

Malaponti, che stamattina nella sede di rappresentanza dell’Ars in via Etnea parteciperà a una conferenza stampa del Movimento Cinque Stelle contro «l’accordo capestro Regione-Trenitalia», spiega: «Solo al fine di spiegare il motivo per cui l’assessorato ai Trasporti in questi giorni è stato sommerso di email di protesta da molti dei 5 mila pendolari che quotidianamente percorrono la Messina-Catania, segnalo la stranezza dei cosiddetti “regionali veloci”.

Quello delle 7.24 effettua cinque fermate e arriva alle 8.40 nel capoluogo etneo. Quello delle 5.10, che non è classificato come Veloce, giunge invece alle 6.31 con otto fermate. Una differenza di appena 5 minuti, ma tre stazioni in meno. Quale dei due funziona meglio?».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X