LA SENTENZA

Vendita di frequenze tv, assoluzione per Ciancio

di

CATANIA. Mario Ciancio Sanfilippo, l'editore del quotidiano «La Sicilia», non ha commesso evasione fiscale tra il 2006 e il 2007 con il passaggio di frequenze e impianti televisivi da «Rete Sicilia» alla «Etis 2000», poi venduti a una società del gruppo Telecom.

La Terza sezione del Tribunale di Catania, presieduta da Elena Maria Teresa Calamita, ha assolto l'imprenditore da ogni accusa «perchè il fatto non è previsto dalla legge come reato».

La sentenza di primo grado, peraltro, chiude definitivamente il caso: le recenti modifiche legislative allo Statuto del Contribuente, infatti, escludono rilevanza penale alle operazioni formalmente prive di valore economico e, quindi, costituenti un ipotetico «abuso del diritto». Respinta dai giudici catanesi anche l'eccezione di incostituzionalità sollevata dalla Procura, perchè «manifestamente infondata».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X