IL CASO

Metropolitana a Catania, è protesta: "Troppe barriere"

di

CATANIA. «Ascensori fuori uso, agganci per carrozzina nelle locomotive che sono invece per bicicletta: dovrebbero essere usati sia dal ciclista, che dal disabile. Passi per il ciclista. Ma se il disabile non può usare le mani, come fa?». Salvatore Mirabella, presidente dell’associazione di volontariato «Come Ginestre», parla della “Metropolitana negata”. Lo fa con amarezza, con rabbia. «Le persone con disabilità e ridotta mobilità – afferma – nonché mamme con passeggini, anziani e chiunque sia temporaneamente inabile, non possono prendere la tanta decantata Metro. E tutto ciò è disarmante!».

Negli uffici della «Fce», la Ferrovia Circumetnea che gestisce la Metro cittadina, il direttore generale Alessandro Di Graziano risponde alla “chiamata” di Salvatore Mirabella annunciando interventi e soluzioni.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X