IMMIGRAZIONE

Scafista "tradito" da un selfie: è un nigeriano, fermato a Catania

CATANIA. L’irresistibile voglia di farsi un 'selfie' ha tradito uno 'scafista' che grazie allo scatto e alla denuncia dei suoi 'compagni di viaggio' è stato identificato.

E' il nigeriano Tomsi Kingsley, 33 anni, fermato da Polizia di Stato e la Guardia di Finanza di Catania, con il coordinamento della locale Procura Distrettuale, per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina nell’ambito delle indagini sullo sbarco di 269 migranti partiti dalle coste libiche e giunti nel porto di Catania il 25 giugno scorso a bordo della nave della Guardia Costiera «CP 904 Michele Fiorillo».

Il nigeriano, prima della partenza del gommone dalle coste libiche, è stato riconosciuto da migranti come l’uomo che era in contatto con i trafficanti libici che gli hanno fornito le necessarie istruzioni per condurre l’imbarcazione fino al momento del salvataggio. Nell’indagine sono confluite anche riprese video e fotografiche realizzate da nave «Margottini» della marina che ha effettuato le operazioni di soccorso.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X