stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Un allevamento di dromedari sull’Etna: si produrrà latte più magro e digeribile

Un allevamento di dromedari sull’Etna: si produrrà latte più magro e digeribile

È la prima azienda agricola di questo tipo in Italia e la seconda in Europa. Proprietario è un giovane veterinario

TRECASTAGNI. Un allevamento di dromedari alle falde dell'Etna. Tra le campagne terrazzate di contrada «Ronzini». Nasce tra le campagne di Trecastagni la fattoria «Gjmàla», la prima azienda agricola in Italia e la seconda in Europa che si occupa della produzione e della distribuzione del latte di dromedario. Il proprietario è Santo Fragalà, un giovane medico veterinario catanese che ha coronato un sogno: raccontare una favola araba in terra sicula e trasformarla in realtà con la realizzazione della piccola fattoria. Laureato in Medicina Veterinaria, Santo, 25 anni, ha lasciato la città per trasferirsi in campagna. Dove ha scelto di vivere in compagnia dei suoi amici a «una gobba»: Carmen, Jasmine e Mustafà: tre dromedari.
È a Trecastagni che il giovane allevatore ha ricreato tutte le condizioni ambientali migliori nel rispetto delle caratteristiche fisiche e originarie dei dromedari. Il dromedario, della famiglia dei camelidi, è un mammifero docile e generoso e i prodotti ottenuti dal suo prezioso latte hanno un alto valore nutrizionale. Prodotti ammessi in Europa solo recentemente grazie alle autorizzazioni dell'Unione Europea. 
UN SERVIZIO SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X