stampa
Dimensione testo

Catania, megasequestro a tre imprenditori: aziende e immobili dal valore 2 milioni di euro

Il provvedimento riguarda i beni di Giovanni Buscemi, Massimo Oliva e Giuseppe Rindone, condannati per mafia in primo grado a 12 anni
Catania, Archivio

CATANIA. Beni per un valore complessivo non inferiore ai due milioni e mezzo di euro sono stati sequestrati dai carabinieri del Ros e dai militari dell’Arma del comando Provinciale di Catania a tre imprenditori imputati del processo Iblis, che recentemente sono stati condannati in primo grado, nell’ambito dell’inchiesta su mafia, politica e imprenditoria.
I destinatari dei provvedimento sono Giovanni Buscemi e Massimo Oliva, entrambi di quarantaduenne, originari di Palagonia, insieme a Giuseppe Rindone, sessantuno anni, di San Cono. 
UN SERVIZIO NELLE PAGINE DI CATANIA DEL GIORNALE DI SICILIA DI OGGI.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X