stampa
Dimensione testo

Naufragio di migranti nel Canale di Sicilia Convalidato il fermo dei presunti scafisti

CATANIA. Il Gip di Catania, Giovanni Cariolo, ha convalidato i fermi dei due presunti scafisti indagati per il naufragio di migranti nel Canale di Sicilia del 12 maggio scorso in cui sono stati recuperati 17 corpi. Sono il tunisino Haj Hammouda Radouan e il marocchino Hamid Bouchab, entrambi di 23 anni, ai quali la Procura di Catania contesta il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, il naufragio e l'omicidio volontario plurimo. Nei loro confronti, contemporaneamente, il Gip ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare che ne dispone la permanenza in carcere. Il Giudice per le indagini preliminari, inoltre, ha accolto la richiesta di incidente probatorio avanzata dal procuratore distrettuale Giovanni Salvi e dal sostituto Monia Di Marco, fissandolo per martedì prossimo. Il 20 maggio saranno
interrogati i quattro testimoni che accusano i due, fermati dalla squadra mobile della Questura al loro arrivo a Catania, di essere stati gli scafisti del viaggio. Il legale dell'indagato marocchino ha presentato al Gip Cariolo e al Pm Di Marco, un'istanza di incidente probatorio per ascoltare quattro connazionali del suo assistito che potrebbero scagionarlo dalle accuse contestate dalla Procura. Su questa richiesta il Gip non si è ancora pronunciato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X