stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Premi di produzione al Vittorio Emanuele di Catania, indagine sulle procedure
L'INCHIESTA

Premi di produzione al Vittorio Emanuele di Catania, indagine sulle procedure

Il presidente dei Gip ha rigettato l'archiviazione dell'inchiesta contro ignoti avanzata dalla Procura

CATANIA. Centoventi giorni per identificare chi decide e quali sono i criteri di distribuzione dei premi di incentivazione nell'azienda ospedaliera Vittorio Emanuele di Catania, che nel 2009 sono stati 1,7 milioni di euro. Lo ha disposto il presidente dei Gip di Catania, Nunzio Sarpietro, rigettando l'archiviazione dell'inchiesta contro ignoti avanzata dalla Procura. Il Giudice ha chiesto accertamenti sui destinatari dei premi e su chi decide quanto e a chi vanno assegnati.

L'inchiesta era stata aperta dopo la denuncia di un infermiere dell'ospedale catanese per accertare l'esistenza di eventuali irregolarità nell'assegnazione dei premi di produzione da parte dell'azienda ospedaliera catanese.

Il suo legale, durante l'udienza camerale, nell'opporsi all'archiviazione del fascicolo sollecitata dalla Procura ha portato come esempio quanto ha pubblicato nei mesi scorsi il quotidiano di Catania, La Sicilia, esibendo copia dell'articolo, sugli incentivi versati per il periodo 2011-2012: un chirurgo affermato, primario di un reparto tra più attivi del Vittorio Emanuele, ha avuto 1.600 euro, mentre i premi per i dirigenti amministrativi erano compresi tra i 22mila e 60mila euro.  Il presidente dell'ufficio del Gip, Nunzio Sarpietro, ha disposto di individuare chi decide, quali sono i criteri di distribuzione e disposto anche una perizia contabile sugli incentivi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X