Catania, l'autopsia sul corpo di Veronica: "Massacrata con 60 coltellate"

Veronica Valenti, 30 anni, è stata uccisa lo scvorso 26 ottobre dal 27enne senegalese Gora Mbengue

CATANIA. Veronica Valenti, la 30enne assassinata il 26 ottobre scorso dal suo ex fidanzato, il 27enne senegalese Gora Mbengue, è stata uccisa con circa 60 coltellate, sferrate con violenza su molte parti del colpo, straziato dai fendenti. Lo ha accertato l'autopsia che è stata eseguita dal medico legale su disposizione della Procura di Catania.

L'esame autoptico ha confermato la ricostruzione che aveva dato alla squadra mobile dall'uomo che, catturato poche ore dopo il delitto, aveva detto alla polizia: «sono sceso di casa con un coltello in mano e ho pensato: se mi dice no l'ammazzo». La donna aveva interrotto la loro relazione e lui non si rassegnava a perderla. Domenica sera ci sarebbe dovuto essere l'incontro chiarificatore: Veronica Valenti è arrivata davanti casa dell'ex fidanzato inviandogli un messaggio col telefonino: 'sono arrivata, scendì. Lui è entrato in auto armato di coltello e all'ennesimo rifiuto l'ha uccisa e poi è scappato. La squadra mobile ha ricostruito subito l'accaduto, e dopo avere trovato la casa del senegalese e il suo passaporto lo ha cercato e arrestato alcune ore dopo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X