stampa
Dimensione testo
AMBIENTE

Fogne e depuratori, a Catania 14 impianti irregolari

di

CATANIA. Le reti fognarie italiane e i sistemi di depurazione delle acque reflue non sono a norma. Così la Commissione europea ha proposto di multare l' Italia di una somma di poco inferiore a 63 milioni di euro.

E a pagare il prezzo più alto sarebbe la Sicilia, vera e propria «maglia nera» della penisola. Infatti nella regione sono concentrati i due terzi degli agglomerati urbani in ritardo sulla gestione delle acque inquinanti: sugli 80 comuni sanzionati, ben 51 sono siciliani.

La provincia con il maggior numero di sanzioni proposte è Catania con quattordici comuni coinvolti tra Aci Catena, Aci Castello, Adrano, Misterbianco, Caltagirone, Acireale, Belpasso, Palagonia, Scordia-Militello, San Giovanni La Punta, Tremestieri Etneo, Giarre-Mascali-Riposto e Gravina di Catania.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X