RIESAME

Tentato omicidio a Paternò, liberi tre indagati

di
tentato omicidio paternò, Catania, Cronaca
Il tribunale di Catania

Il tribunale del Riesame ha confermato la detenzione in carcere per Giovanni Venero Nicolosi, per il tentato omicidio avvenuto lo scorso 29 gennaio a Paternò, in piazza della Fraternità che portò all'arresto di altre tre persone. I giudici hanno altresì disposto la remissione in libertà di Riccardo e Michelangelo Nicolosi (rispettivamente padre e fratello di Giovanni), nonché Paolo Antonino Di Mauro (suo cognato).

Dalle indagini condotte dai carabinieri della compagnia di Paternò sarebbe emerso che l'aggressione in cui sono rimasti coinvolti i quattro soggetti sarebbe partita da uno sguardo di troppo da parte della vittima, un ventunenne, verso la fidanzata di Giovanni Nicolosi; una scintilla che avrebbe fatto scattare il proposito di investire volontariamente il ventunenne, incrociato in una stazione di servizio e rintracciato tramite Facebook.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X