stampa
Dimensione testo
AVEVA 84 ANNI

Mafia nel Catanese, morto il boss Giuseppe Alleruzzo: vietati i funerali pubblici

boss, mafia, Giuseppe Alleruzzo, Catania, Cronaca
Giuseppe Alleruzzo

Lo storico boss mafioso Giuseppe Aleruzzo, esponente di spicco di Cosa nostra del Catanese, è morto nella sua abitazione di Paternò, dove era agli arresti domiciliari dal 2012 dopo essere stato trovato in possesso di un arsenale e di 250 grammi di cocaina.

Aveva 84 anni e da anni era gravemente malato. A capo dell'omonima 'famiglia' è stato uno dei pentiti storici dei clan catanesi: iniziò la sua collaborazione l'11 agosto del 1987, dopo avere visto il cadavere della moglie Lucia Anastasi, uccisa nell'ambito di una faida tra cosche rivali nel Catanese.

Dieci giorni più tardi fu assassinato suo figlio Santo. Una sua figlia scomparve nel giugno del 1995 e il suo corpo fu ritrovato tre anni dopo in pozzo profondo oltre quaranta metri in contrada Stella. Il 'pentimento' di Alleruzzo non è stato esente da ripensamenti, con accuse ritrattate e poi riconfermate. Quando nel 2012 è stato posto agli arresti da carabinieri del comando provinciale di Catania, secondo l'accusa, stava per riorganizzare il suo clan.

Intanto la questura di Catania ha vietato i funerali pubblici del boss. Nella chiesa di Santa Barbara domani mattina alle 11 potranno partecipare alle esequie in forma privata solo i parenti più stretti.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X