stampa
Dimensione testo
LE PROTESTE

"Concorsi truccati" all'università di Catania, gli studenti occupano il rettorato

di

La vicenda dei concorsi truccati continua a scuotere l'università di Catania. Dal giorno della notizia dell'inchiesta, che vede indagati e sospesi il rettore Francesco Basile e altri nove professori con posizioni apicali all’interno dei Dipartimenti dell’Ateneo etnei (ma nel fascicolo della Digos ci sono complessivamente 66 indagati, tra cui anche prof di altri atenei italiani), il movimenti studenteschi sono in subbuglio. Questa mattina gli studenti hanno di nuovo occupato il Rettorato dell'università e convocato un'assemblea pubblica alle 17.30, chiedendo la presenza del direttore generale Bellantoni.

Gli universitari chiedono "garanzie". "La richiesta al Direttore Bellantoni di presentarsi all'assemblea di oggi è dettata dalla volontà - dicono gli studenti - di avere chiaro quale sarà nei prossimi mesi il futuro di UniCatania. Pretendiamo infatti che venga oggi pubblicamente garantito che in nessun modo, né adesso né durante la sessione d'esame di settembre\ottobre, venga in nessun modo intaccato il diritto allo studio degli studenti. Abbiamo già pagato fin troppo per responsabilità altrui".

"Vogliamo anche - dicono ancora - che vengano smentite le dichiarazioni vergognose del rettore, sul fatto che l'università sia un luogo d'elité. Questo gesto, forte, che stiamo facendo si oppone proprio a questa logica: l'università è degli studenti e delle studentesse, e dovrebbe essere un luogo aperto a tutte e tutti, con un diritto allo studio garantito al 100%"

"Ci stupiamo molto - concludono - che molti docenti su questo abbiano fatto buon viso a cattivo gioco: crediamo che lucidamente l'università sia in questo momento indifendibile".

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X