stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Carenza di medici all'ospedale di Bronte, il sindaco attacca l'Asp
SANITA'

Carenza di medici all'ospedale di Bronte, il sindaco attacca l'Asp

di

Carenza di medici all’ospedale di Bronte e accorpamento del Sert con quello di Adrano, il sindaco Graziano Calanna attacca l’Asp di Catania che ribatte: «Carenze in tutti i presidi, più accentuate negli ospedali di periferia che non meritano di essere funzionali a esigenze di visibilità. Il Sert di Bronte resta aperto».

Calanna, che in nome della trasparenza chiede pubblicità degli organici di tutti gli ospedali dell’Asp etnea, al suo direttore Maurizio Lanza, e all’Assessorato alla Salute di Palermo, sostiene che al Castiglione-Prestianni di Bronte «in Ortopedia c’è un solo medico, nel Laboratorio analisi 2 anziché 4 e non c’è reperibilità cardiologica perché l’unico cardiologo regge pure l’ambulatorio. Gli anestesisti erano 7 e oggi sono 5, di cui soli 4 effettuano turni e reperibilità. Ancora più grave la situazione al Pronto soccorso - precisa Calanna -, dove dei 13 medici previsti ce ne sono 4 (più 4 del 118) e di giorno vi opera un solo medico, quando dovrebbero essercene almeno 2».

L’Asp replica: «Nel corso del 2019 sono state assegnate, all’Ospedale di Bronte, 13 nuove risorse professionali, fra comparto e dirigenza. A queste, in piena emergenza Covid, da inizio anno si sono aggiunti 4 medici specialisti e, il 1° giugno, prenderanno servizio 2 infermieri neo assunti. Sono state avviate procedure di reclutamento d’urgenza e indetti concorsi per le aree di maggiore criticità, in particolare l’area dell’emergenza - precisa l’Asp con una nota -, per sopperire alle carenze d’organico in tutti i presidi dell’Asp di Catania. Le carenze dipendono in massima parte dall’insufficiente numero di medici specializzati a livello nazionale. Questa carenza è purtroppo più accentuata negli ospedali di periferia - conclude l’Asp - che non meritano né di essere criticati né di essere funzionali a esigenze di visibilità».

L’accorpamento del Sert di Bronte con quello di Adrano, poi, Calanna non se lo spiega proprio: «Non capisco, ha sempre funzionato benissimo. Verificheremo la legittimità degli atti perché la legge garantisce autonomia a tutti i Sert, che devono avere un organico proprio, oltre ad un numero di personale che Bronte non ha da tanto tempo. In queste condizioni - conclude - non mi vengano a dire che deve essere soppresso per mancanza di utenti».

Sull’accorpamento del Sert il direttore del Dipartimento Salute mentale dell’Asp di Catania, Carmelo Florio, afferma: «Nell’atto aziendale è stata definita una sola Unità operativa semplice Bronte-Adrano, ma entrambe le sedi permangono. Bronte non potrebbe mai essere soppressa perché offre un servizio anche a comuni della provincia di Messina».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X