stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Le mani della mafia sul packaging, confisca da 40 milioni a esponente del clan Rinzivillo
ARRESTATO NEL 2019

Le mani della mafia sul packaging, confisca da 40 milioni a esponente del clan Rinzivillo

Un patrimonio societario e immobiliare stimato in 40 milioni di euro è stato confiscato da militari del Gico del Nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Catania, a Emanuele 'Elio' Greco, esponente di spicco del clan Rinzivillo, attivo tra Ragusa e Caltanissetta, imprenditore dell’ortofrutta e del packaging. Il provvedimento è stato disposto dalla Sezione Misure di prevenzione del tribunale di Catania. Greco in passato è stato condannato in via definitiva per sequestro di persona, estorsione, furto, porto e detenzione di armi.

L’ultima volta Greco è stato arrestato nel 2019 e rinviato a giudizio, nell’ambito dell’operazione "Ghost Trash". I finanzieri del Gico hanno accertato che, a fronte di minimi redditi dichiarati, ha costituito un patrimonio societario e immobiliare grazie ai proventi delle attività illecite di estorsione, rapina e riciclaggio, riuscendo inoltre, tramite l’appoggio delle famiglie mafiose gelesi a imporsi nel mercato degli imballaggi di cartone.

Si tratta di sette società e imprese individuali, con sede in provincia di Ragusa, del settore dell’ortofrutta e del packaging; 18 fabbricati, tra unità abitative e capannoni; 16 appezzamenti di terreno in provincia di Ragusa, un’autovettura e una moto.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X