stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Anziano trovato morto a Catania, è stato ucciso con otto coltellate: fermato un uomo
POLIZIA

Anziano trovato morto a Catania, è stato ucciso con otto coltellate: fermato un uomo

Non si tratta di un suicidio ma di un omicidio. Queste le conclusioni della Squadra Mobile di Catania riguardo la morte di Nunzio Nicotra, 80 anni, trovato cadavere lo scorso mercoledì all’interno della propria abitazione in via Delle Formiche.

Come scrive Orazio Caruso sul Giornale di Sicilia in edicola, la vittima è stata assassinata con almeno 7-8 coltellate da una persona che probabilmente l'anziano conosceva. La polizia ha fermato un uomo di mezza età la cui posizione è al vaglio degli investigatori della Mobile. Si attende, infatti, tra qualche ora il pronunciamento del giudice delle indagini preliminari chiamato alla convalida del fermo.

Le indagini sono condotte a 360 gradi e non viene tralasciata alcuna pista, anche se quella di un omicidio nato all’interno della sfera personale e privata dell’uomo è la più accreditata. La polizia escluderebbe, per il momento, la pista della rapina finita male.

Non sarebbero stati riscontrati segni di effrazione nella porta d’ingresso dell’appartamento dove viveva il pensionato. Inizialmente si era pensato che potesse essere un suicidio; ipotesi scartata subito dopo i primi accertamenti eseguiti dalle forze dell’ordine. Da quanto appurato dagli investigatori l’uomo sarebbe morto qualche giorno prima del suo ritrovamento, avvenuto nel corso della giornata di mercoledì 7 aprile.

Di certo si sa che ad avvertire la polizia è stato un vicino di casa di via delle Formiche, il luogo nel quale viveva la vittima. Non vedendolo più in giro è stato dato l’allarme. E così gli agenti della Mobile hanno scoperto Nicotra trafitto dalle coltellate e accanto un coltello sporco di sangue: l’autopsia ha evidenziato le ferite mortali.

Nunzio Nicotra, ottan'anni già compiuti, pensionato sociale, era vedovo e viveva da solo. Saltuariamente riceveva le visite di una figlia che però non abita a Catania. Nel quartiere dell’ospedale Garibaldi era abbastanza conosciuto e apparentemente non aveva nemici. Un banale alterco con un conoscente la settimana scorsa si sarebbe trasformato in tragedia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X