stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Adrano, la casa brucia mentre dormono: lui muore, lei portata via dagli agenti è in ospedale
SORPRESI NEL SONNO

Adrano, la casa brucia mentre dormono: lui muore, lei portata via dagli agenti è in ospedale

La vittima è Luigi Vivona di 51 anni. La moglie è ricoverata al Cannizzaro di Catania: a tirarla fuori sono stati i poliziotti. È stata la figlia a dare l'allarme: aprendo la porta, ha visto il fumo e il cane uscire di corsa
adrano, incendio in casa, Catania, Cronaca
La palazzina incendiata

Un uomo di 51 anni, Luigi Vivona, è morto e la moglie di 49 è rimasta ferita in un incendio divampato la notte scorsa nella loro abitazione ad Adrano, nel Catanese. La donna è stata condotta in ospedale. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, che hanno domato il rogo. Le cause sono in corso di accertamento. La signora è stata trasferita dal personale del 118 in ospedale. Indagini sono state avviate dalla polizia del locale commissariato.

L’incendio, divampato in piena notte, ha sorpreso la coppia a letto, mentre dormiva in casa, un’abitazione che si sviluppa su quattro livelli. I due hanno tentato la fuga, ma è riuscita a salvarsi solo la signora con l’aiuto determinante dei poliziotti.

Il corpo dell’uomo è stato trovato dai vigili del fuoco sulla soglia della stanza da letto dell’abitazione. La moglie, invece, è riuscita ad uscire ed stata soccorsa e messa in salvo. Immediatamente dopo la segnalazione, infatti, una volante è giunta davanti all’abitazione dei coniugi Vivona e due poliziotti sono saliti sulla palazzina attigua e da lì sono riusciti a passare sul balcone al primo piano della palazzina in fiamme. Poi hanno tirato fuori la signora e assieme alla stessa sono rimasti sul balcone fino all’arrivo dei vigili del fuoco, che li hanno fatti scendere. La signora, che aveva diverse ustioni sul corpo, è stata portata fuori e affidata al personale del 118, intervenuto con tre ambulanze. È stata condotta all’ospedale Cannizzaro di Catania, dove c'è il reparto specialistico per grandi ustionati. I due agenti, rimasti leggermente intossicati, sono stati curati sul posto con l’ossigeno.

A dare l’allarme una vicina di casa, allertata a sua volta dalla figlia dei coniugi Vivona, che, rincasata di notte, appena aperta la porta d’ingresso, è stata investita dal fumo denso che si era già sviluppato all’interno dell’appartamento e ha visto fuggire all’esterno il loro cane. Dai primi sopralluoghi si ritiene che le fiamme si siano sviluppate al primo piano e che si siano successivamente propagate ai piani superiori.

Sul posto per spegnere le fiamme, soccorre le persone e mettere in sicurezza l’abitazione sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Adrano assieme a diversi mezzi di supporto inviati dal Comando provinciale di Catania. È intervenuta anche la polizia con agenti delle volanti del locale commissariato, che hanno avviato le indagini del caso. Le cause dell’incendio sono in corso di accertamento. L’intera costruzione è stata dichiarata inagibile fino all’esecuzione di ulteriori verifiche dei danni alle strutture e agli impianti. La salma è stata posta sotto sequestro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X