stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ha ucciso la sorella e gettato il corpo avvolto nei sacchi: la difesa chiede la perizia psichiatrica
SAN GIOVANNI LA PUNTA

Ha ucciso la sorella e gettato il corpo avvolto nei sacchi: la difesa chiede la perizia psichiatrica

Il gip di Catania ha convalidato l'arresto del giovane Giovanni Francesco Di Prima, accusato di avere accoltellato la 37enne Lucrezia
Catania, Cronaca
I carabinieri davanti all'abitazione in cui si è consumato il delitto

Il gip di Catania ha confermato il fermo, ed emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per omicidio aggravato e occultamento di cadavere, eseguito il 17 ottobre scorso dai carabinieri, di Giovanni Francesco Di Prima, il 22enne accusato di avere ucciso con un coltello da caccia la sorella Lucrezia, di 37 anni, nella loro villa di San Giovanni La Punta.

Il suo legale, l’avvocato Umberto Terranova, ha già anticipato che chiederà una perizia psichiatrica per il suo assistito. Secondo l’accusa, Giovanni, come il 22enne era chiamato da familiari e amici, tre giorni fa avrebbe ucciso nella loro villetta la sorella colpendola anche alla gola con un coltello da caccia. L’arma è stato trovata dai militari dell’Arma in un garage, dove il giovane l’aveva nascosta dopo averla ripulita, ma, sembra, non bene, tanto che sarebbero state trovate tracce di sangue. Poi avrebbe avvolto il corpo con sacchi di plastica neri portandolo con la sua auto nelle campagne di Nicolosi, dove lo ha fatto trovare dopo avere confessato il delitto ai carabinieri. L’omicidio è stato commesso quando i due fratelli erano soli a casa: i genitori erano a una gita. La scomparsa della donna era stata denunciata ai carabinieri.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X