stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Covid, negli ospedali del Catanese sono 298 i bambini vaccinati in dieci giorni
ASP

Covid, negli ospedali del Catanese sono 298 i bambini vaccinati in dieci giorni

Sono 298 i bambini d’età compresa fra 5 e 11 anni che sono stati vaccinati contro il Covid negli ospedali dell’Asp di Catania a poco più di 10 giorni dall’inizio della campagna vaccinale per questa fascia d’età.

Lo rende noto la stessa azienda sanitaria. Secondo la programmazione condivisa dalla Direzione strategica dell’Asp di Catania, guidata dal manager Maurizio Lanza, con il commissario per l’emergenza Covid, Pino Liberti, le vaccinazioni vengono effettuate nei reparti di Pediatria di Acireale, Biancavilla e Caltagirone, dove sono stati creati percorsi dedicati e ambienti colorati e vivaci. Per prenotare la vaccinazione basta accedere alla consueta piattaforma on line sul sito costruiresalute.it. Grazie all’accordo con i pediatri di libera scelta per le vaccinazioni anti-Covid, i genitori possono, inoltre, mettersi direttamente in contatto con il pediatra dei propri figli per ricevere informazioni e prenotare la vaccinazione nei tre ospedali.

Ad attendere bambini e ragazzi nei Punti di vaccinazione pediatrici degli ospedali di Acireale, Biancavilla e Caltagirone ci sono le équipe di educatori professionali e assistenti sociali che, in questi giorni di festa, accolgono i più piccini con travestimenti in tema natalizio, addobbi festosi, colori e storie. Per la vaccinazione è necessario il consenso di entrambi i genitori. Qualora uno dei due non fosse presente dovrà produrre il consenso alla vaccinazione del figlio tramite autocertificazione, allegando fotocopia del documento di riconoscimento, da consegnare agli operatori all’atto dell’accettazione.

«Rivolgo l’invito ai genitori - dice il direttore sanitario dell’Asp di Catania Antonino Rapisarda - a vaccinare i loro figli. La comunità scientifica dei pediatri raccomanda la vaccinazione anti-Covid per proteggere i più piccoli dalle forme gravi della malattia e metterli in sicurezza in ogni loro attività, a scuola, con i loro compagni, nei luoghi di vita quotidiana».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X