stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il delitto di Mascalucia, assalto social alla Martina Patti sbagliata: «Marcisci in carcere»
GLI SVARIONI SUL WEB

Il delitto di Mascalucia, assalto social alla Martina Patti sbagliata: «Marcisci in carcere»

Catania, Cronaca
Fiori e giocattoli lasciati sul luogo del ritrovamento del corpo di Elena Del Pozzo

La condanna e il risentimento popolare per quanto ha confessato Martina Patti, la 23enne di Macalucia che ha confessato di avere ucciso la propria bambina di nemmeno 5 anni, Elena Del Pozzo, hanno trovato spazio sul web con insulti e minacce sui social rivolti, però, alla persona sbagliata: una ragazza di Catania che ha il suo stesso nome e cognome, lavora in un panificio e non ha nulla a che vedere - non è neanche parente - con la mamma di Mascalucia.

L’omonima ha affidato a un post sui social la sua difesa: «Non sono io la mamma della bambina trovata morta», ha scritto, e si è anche rivolta alla polizia postale per denunciare l’accaduto. Sui suoi profili Facebook ed Instagram sono infatti comparsi insulti e minacce da chi ha cercato «nome e cognome» e si è fermato al primo profilo trovato: una donna di nome Martina Patti e con una bambina in braccio. Tra i messaggi ricevuti: «Marcisci in carcere e rifletti su cosa hai fatto», «Sei una m...di donna. Hai ucciso tua figlia, il sangue del tuo sangue», «Ti sei rovinata l’esistenza. Tua figlia ti maledirà, come i tuoi genitori e i tuoi suoceri». Offesa anche la mamma della ragazza, che compare in una foto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X