stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca «Lo zio mi molestava quando avevo 12 anni»: scoppia una maxi-rissa in famiglia nel Catanese
CARABINIERI

«Lo zio mi molestava quando avevo 12 anni»: scoppia una maxi-rissa in famiglia nel Catanese

Sedici denunciati, fra i quali tre minori. Coinvolte circa 25 persone, compreso un bambino di nove anni
risse, Catania, Cronaca
I momenti della rissa ripresi dagli impianti di vidosorveglianza

I carabinieri della stazione di Biancavilla hanno denunciato 16 persone, tra le quali tre minorenni, per i reati di rissa aggravata, lesioni personali, minacce gravi e danneggiamento. È accaduto nella tarda serata di ieri, 26 novembre, allorché, intorno alle 23, gli addetti alla vigilanza del pronto soccorso dell’ospedale di Biancavilla avevano disperatamente richiesto l’assistenza dei carabinieri a seguito di una maxi rissa tra circa 25 persone, poi rivelatesi per lo più facenti parte dello stesso nucleo familiare.

I militari hanno avuto ragione dell’animosità dei contendenti, alcuni dei quali feriti e sanguinanti, cercando di risalire, nonostante la loro ritrosia nel fornire informazioni, alle cause che avevano scatenato la rissa.

In seguito, però, i militari hanno appreso che la lite sarebbe stata accesa dalla confidenza fatta da una ragazza, oggi 22enne, al proprio compagno, il quale avrebbe così appreso delle presunte morbose attenzioni da lei ricevute circa dieci anni prima da parte dello zio, allora 44enne. Immediata «l’attivazione» del giovane che, raggiunta l’abitazione di quest’ultimo, nei pressi dell’ospedale di Biancavilla, si è scagliato contro di lui prendendolo a pugni, salvo poi allontanarsi come rilevato da una telecamera della zona.

La reazione dello zio non si è fatta attendere: unitamente ai propri nipoti, ai quali si era rivolto chiedendo il loro aiuto, avrebbe dato inizio alle «ostilità», recandosi nel quartiere Ardizzone di Paternò, presso l’abitazione della controparte, e qui, tra minacce e richieste di chiarimento, le due fazioni si sono lasciate andare ad una vera e propria disputa senza esclusione di colpi, con l’ausilio di mazze da baseball e manici di scopa, danneggiando anche le autovetture parcheggiate.

Anche i tre minori, il più piccolo tra l’altro di soli nove anni, si sono attivamente impegnati nello scontro e, come tutti, sono stati immortalati dagli impianti di videosorveglianza della zona che hanno documentato la loro foga.
Nei giorni successivi i militari hanno registrato la visita in caserma di molti dei partecipanti alla rissa i quali, vicendevolmente, hanno inteso sporgere formale querela nei confronti degli avversari, ma nulla hanno potuto opporre alla denuncia nei loro confronti per rissa aggravata formulata a loro carico dai carabinieri.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X